Servizi Ferroviari – Tariffe – Sollecito

28/10/2021

Gent.ma Dott.ssa Donatella TESEI
Presidente Regione Umbria

Egr. Dott. Enrico MELASECCHE GERMINI
Assessore ai Trasporti ed Infrastrutture della Regione Umbria

Oggetto: Servizi Ferroviari – Tariffe – Sollecito

lo scrivente Coordinamento Comitati Pendolari Umbri, in quanto soggetto esponenziale di interessi di rilevanza sociale nell’ambito del trasporto pubblico, in accordo con i rappresentanti trasporti delle Associazioni dei Consumatori presenti al Tavolo del Trasporto Ferroviario in Umbria, Confconsumatori Umbria e Federconsumatori Terni, intende, con la presente, ritornare sulla questione dell’aumento delle tariffe ferroviarie, previsto dal 01/01/2022, così come da Contratto di Servizio 2018 -2032 sottoscritto tra la Regione Umbria e Trenitalia S.p.A.Trasporto Regionale, in quanto, a tutt’oggi, non si è avuto alcun riscontro dalle SS.VV. alla nostra nota inviata in data 10 maggio 2021, in calce alla presente.

Innanzitutto, ci permettiamo di rappresentare che, come riportato nel contratto stesso all’art.13 (politica tariffaria), comma 4 punto b, per l’anno 2022 l’aumento sarà del 6,6%, così come sarà del 6,2%, relativamente all’anno 2023, per poi stabilizzarsi definitivamente al 4,0% negli anni dal 2024 al 2032, mentre per l’anno corrente l’incremento è stato del 6,8%.

Inoltre, nello stesso, vi è anche scritto: “Gli incrementi delle tariffe sono paritetici per le tariffe regionali e quelle sovraregionali, nonché integrate, e sono automaticamente applicati da Trenitalia, salvo deliberazione contraria da parte della Regione.”

Per questo, vista la grave situazione economica, causata dalla pandemia da Covid -19, si è richiesto, nella nota sopra citata, il congelamento dell’aumento atteso dal gennaio prossimo, poiché di fatto andrebbe, ulteriormente, a gravare sulle tantissime persone, che quotidianamente si spostano con i servizi ferroviari, per motivi di lavoro o studio, sia all’interno, che fuori Regione.

Altresì, nella stessa mail, si è chiesto, anche, la sospensione degli aumenti, eventualmente contemplati, nel Contratto di Servizio, in proroga, sottoscritto dalla Regione Umbria con Busitalia Sita Nord S.r.l., relativamente ai servizi ferroviari ex FCU e su gomma.

Si fa presente, per di più, che la Giunta  Regionale della Liguria, ha congelato, su proposta dell’Assessore con delega ai Trasporti, l’aumento delle tariffe ferroviarie che era previsto, come da contratto con Trenitalia S.p.A. Trasporto Regionale, a inizio del 2021; infatti, detto rincaro è stato rinviato in un primo momento ai primi di Maggio e in seguito differito al primo di Ottobre, sino al provvedimento del 28 settembre u.s., che l’ha ulteriormente sospeso fino all’inizio del 2022.

La motivazione principale della decisione presa dalla Regione Liguria è stata proprio la crisi economica innescata dalla pandemia.

Pertanto, per quanto sopra esposto, si richiede di conoscere quale misura intenda prendere la Regione Umbria a riguardo.

Cordialmente.

Coordinamento Comitati Pendolari Umbri

Articoli collegati

Please accept [renew_consent]%cookie_types[/renew_consent] cookies to watch this video.