RFI

Restyling stazione da 4,3 milioni: accordo di programma.

Ferrovia Orte-Falconara, De Micheli: «Commissario per accelerare su opera strategica»

 

Potenziamento linea Orte-Falconara: il ministro De Micheli firma il protocollo | Cronache Ancona

RFI, Linea Orte-Roma: interventi di potenziamento, modifiche al programma di circolazione dei treni.

RFI, LINEA ORTE-ROMA: INTERVENTI DI POTENZIAMENTO MODIFICHE AL PROGRAMMA DI CIRCOLAZIONE DEI TRENI

Roma, 07 Agosto 2020

• da sabato 8 a lunedì 31 agosto
• investimento economico 3,5 milioni di euro

Da sabato 8 agosto lavori di potenziamento e manutenzione fra Orte e Roma, sulla linea Direttissima Roma – Firenze. Gli interventi consentiranno a Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) di rinnovare i deviatoi e risanare la massicciata di una delle linee più trafficate d’Italia. Circoleranno regolarmente sulla linea Direttissima i treni alta velocità e alcuni treni a lunga percorrenza e regionali veloci, principalmente della fascia pendolare mattutina. Gli altri treni saranno invece deviati sulla linea convenzionale, con allungamenti dei tempi di percorrenza. Alcuni treni del trasporto regionale, diretti e provenienti da altre regioni, saranno sostituiti con bus nel tratto tra Roma e Orte. Subiranno variazioni nell’orario di partenza anche i treni della FL1 Orte – Fiumicino e verranno rimodulati i collegamenti da e per Rieti. Soltanto nelle ore serali di sabato 29 e domenica 30 agosto saranno eccezionalmente deviati sulla linea convenzionale anche alcuni treni alta velocità.Durante i lavori saranno impegnati quotidianamente oltre 50 tecnici di Rete Ferroviaria Italiana e delle ditte appaltatrici. L’investimento economico complessivo è di circa 3,5 milioni di euro.

Orte-Terni-Falconara, il raddoppio verso la svolta. Pavanelli: “Deroghe a Rete ferroviaria italiana per spingere i lavori”

Raddoppio ferrovia Orte-Falconara, Regione: «Chiesto studio su variante per aeroporto» // Umbria24.it

Infrastruttura ferrovia regionale Sansepolcro Terni. Lettera a RFI e Regione Umbria.

Lettera inviata alcuni giorni fa a RFI e Regione Umbria.


Spett.le Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.
Spett.le Regione Umbria

Con la presente nota, lo scrivente Coordinamento Comitati Pendolari Umbri, in quanto soggetto esponenziale di interessi di rilevanza sociale nell’ambito del trasporto pubblico, in accordo con i Rappresentanti Regionali Trasporti delle Associazioni dei Consumatori, partecipanti al Tavolo Tecnico Regionale sul Trasporto Ferroviario in Umbria, precisamente Franco Todaro per Federconsumatori ed Enzo Benda per Confconsumatori Umbria – Perugia, stante il riconoscimento con decreto interministeriale del 16 Aprile 2018, a “linea ferroviaria regionale di rilevanza per la rete ferroviaria nazionale” della tratta Terni -Ponte San Giovanni, già ferrovia concessa ex FCU, visto l’avvenuto passaggio dell’intera infrastruttura della ex FCU al Gestore Nazionale dell’Infrastruttura (Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.) e dato che, da quasi tre anni la suddetta tratta, che riguarda un bacino di utenza di circa 170.000 persone, è chiusa al servizio ferroviario per lavori di ristrutturazione, che di fatto non sono mai iniziati, per non parlare della parte di linea che da Ponte San Giovanni si dirama fino alla stazione di San Sepolcro, bacino di utenza di circa 27.000 persone, aperta parzialmente al servizio fino a Città di Castello o verso la stazione di Perugia S. Anna, con lavori che si sono svolti o svolgono se si può dire a singhiozzo.

Per quanto esposto in precedenza, chiediamo di conoscere, sia da Rete Ferroviaria Italiana S.p.A., che dalla Regione Umbria, lo stato degli atti ed il programma di investimenti che il Gestore Nazionale dell’Infrastruttura intenderebbe attivare per far ripartire il servizio ferroviario sulla San Sepolcro – Terni e le eventuali scadenze temporali, ipotizzate, per il completamento delle opere che dovrebbero essere effettuate.

Non di meno, si rappresenta che, con nota del 04 Aprile 2019, facemmo notare, all’allora Assessore ai Trasporti della Regione Umbria, che il protrarsi della chiusura dell’infrastruttura, con conseguente sospensione del servizio ferroviario, avrebbe potuto, perfino, far concretizzare l’ipotesi di un eventuale danno erariale, subito e subendo, considerate, inoltre, le lungaggini, di allora, nel passaggio della stessa, a Rete Ferroviaria Italiana S.p.A., nonostante il riconoscimento, con il decreto interministeriale del 16 Aprile 2018, a “linea ferroviaria regionale di rilevanza per la rete ferroviaria nazionale” della Terni -Ponte S.Giovanni; pertanto, riteniamo che tale ipotesi potrebbe, allo stato dei fatti sopraesposto, ancora da considerarsi in essere.

Si resta in attesa di un Vs. sollecito, cortese, riscontro alla presente.

Cordialmente,

Federconsumatori
Confconsumatori Umbria – Perugia
Coordinamento Comitati Pendolari Umbri

Raddoppio ferroviario Spoleto-Campello sul Clitunno, la fine dei lavori slitta al 2022 – Corriere dell’Umbria

Raddoppio ferroviario Spoleto-Campello sul Clitunno, la fine dei lavori slitta al 2022 – Corriere dell’Umbria

 

Raddoppio ferroviario Spoleto-Campello sul Clitunno, la fine dei lavori slitta al 2022 – Corriere dell’Umbria

Il raddoppio ferroviario Spoleto-Campello sul Clitunno slitta a fine 2022. Ventuno anni di lavori su un tratto di appena 9.8 chilometri, un incredib…

Raddoppio ferroviario Spoleto-Campello sul Clitunno, la fine dei lavori slitta al 2022 – Corriere dell’Umbria

FS investono in Umbria.

passare con il puntatore sull’immagine per ingrandire

Trenta milioni per i lavori sulla ferrovia Rieti-Terni

Trenta milioni per i lavori sulla ferrovia Rieti-Terni

 

Trenta milioni per i lavori sulla ferrovia Rieti-Terni

Addio treni diesel e vecchie littorine. La datata linea ferroviaria Rieti-Terni prova finalmente a cambiare pelle. La tratta per l’Umbria sarà fina…

Trenta milioni per i lavori sulla ferrovia Rieti-Terni

Articoli recenti

Accessi (dal 31/08/2020)

  • 33
  • 20
  • 46
  • 26
  • 1.513
  • 3.809
  • 3.809
  • 3.810
  • 1.510