coordinamento dei comitati pendolari dell'Umbria

Coordinamento

Stazione Perugia Sant’Anna: eppur si muove!

 

Eppur qualcosa si muove a quanto pare, forse, perché, la nostra riflessione è stata ripresa da un quotidiano locale!  Certo è, che i tempi sono sempre stati biblici quando si tratta di prendere decisioni che riguardano la ferrovia in questa Regione.  Un esempio, in questi giorni, i servizi extra urbani, utilizzati dagli studenti e/o lavoratori, sono pieni, ed il distanziamento sociale, a volte, non assicurato, ed in questo momento in cui vi è un’aumentare delle positività, giustamente, la cosa preoccupa moltissimo, sia le famiglie che gli amministratori locali e, sicuramente, una ex FCU, in piena efficienza, avrebbe dato il suo onesto contributo al trasporto pubblico locale. Ma, purtroppo, la vicenda ex FCU, era una storia già scritta, e che più volte, nel suo dipanarsi,  era stata portata, negli anni, all’attenzione delle Istituzioni politiche umbre, sia regionali che provinciali, con tutte le sue criticità, e i cui risvolti problematici erano stati a più riprese segnalati anche attraverso gli organi di stampa. D’altro canto, “nemo propheta acceptus est in patria sua”. E, conseguentemente, nonostante fosse evidente lo stato di abbandono e la lenta, per un certo verso, dolorosa, agonia in cui era stata lasciata, la ex Ferrovia Centrale Umbra tra l’indifferenza della politica e lo sguardo attonito di quella comunità regionale che la vedeva sgretolarsi giorno dopo giorno, si è arrivati alla situazione attuale, si è distrutta una risorsa regionale, con tutti i disagi, conseguenti, per i cittadini, come anche per i lavoratori. 

Istanza su rimborsi per smart-working.

21/09/2020

Gent.ma On.le
Paola DE MICHELI
Ministro dei Trasporti ed Infrastrutture
della Repubblica Italiana

Gent.ma Dott.ssa
Donatella TESEI
Presidente della Regione Umbria

Egr. Dott.
Stefano BONACCINI
Presidente Conferenza delle Regioni e Province Autonome

Egr. Dott.
Enrico MELASECCHE GERMINI
Assessore ai Trasporti ed Infrastrutture
della Regione Umbria

Egr. Ing.
Orazio IACONO
Amministratore Delegato Trenitalia S.p.A.

In questi giorni si è dato il via ai rimborsi sia degli abbonamenti regionali con applicazione sovraregionale, che regionali Trenitalia Umbria, come, anche, della Carta Tutto Treno, relativamente al mancato utilizzo totale o parziale dei suddetti titoli di viaggio, per l’emergenza Covid 19.

Il tutto regolamentato nelle modalità, sia da quanto deciso dalla Commissione Infrastrutture, Mobilità e Governo del Territorio della Conferenza delle Regioni e Province Autonome per gli abbonamenti con applicazione sovraregionale, per il periodo di emergenza tra il 23 febbraio e il 3 giugno 2020, che dalla Regione Umbria per gli abbonamenti regionali Trenitalia e gli abbonamenti integrati Umbria GO, relativi al periodo di criticità tra il 10 marzo e il 3 maggio e/o per i soli studenti tra il 5 marzo e il 9 giugno.

Riguardo proprio i periodi di non utilizzo degli abbonamenti, lo scrivente Coordinamento Comitati Pendolari Umbri, in quanto soggetto esponenziale di interessi di rilevanza sociale nell’ambito del trasporto pubblico, in accordo con i Rappresentanti Regionali Trasporti delle Associazioni dei Consumatori, partecipanti al Tavolo Tecnico Regionale sul Trasporto Ferroviario in Umbria, precisamente Franco Todaro per Federconsumatori ed Enzo Benda per Confconsumatori Umbria – Perugia, desidera porre all’attenzione delle

SS. VV. II. sulla questione dei titolari di abbonamento annuale regionale e/o con applicazione sovraregionale, come anche della Carta Tutto Treno, che sono, a fronte del Dpcm del 26 aprile, che aveva raccomandato i datori di lavoro ad adottare lo smart working per evitare i contatti tra i lavoratori della stessa azienda, per scelta aziendale, fino al 15 ottobre 2020, ovvero il termine entro il quale scade lo stato di emergenza previsto nell’ultimo Dpcm, ancora in lavoro agile.

Detti utenti, quindi, sono in possesso di un titolo di viaggio annuale, pagato anticipatamente, ma inutilizzato, anche, dopo le date, sopra riportate, come periodo di rimborso per l’emergenza Covid 19, sia dalla Conferenza delle Regioni e Province Autonome, che dalla Regione Umbria, non per loro volontà, ma per scelte prese dal datore di lavoro sulla base delle raccomandazioni date del Governo.

Per quanto sopra esposto, visto che la questione non riguarda solo i Pendolari Umbri, ma tutti coloro che utilizzano quotidianamente il trasporto pubblico, sia su ferro che su gomma, per raggiungere i propri posti di lavoro e/o studio, si richiede di trovare, nelle dovute sedi competenti, una soluzione anche a questa problematica.

La presente comunicazione è inviata per quanto di competenza e conoscenza al Ministro dei Trasporti ed Infrastrutture, alla Presidente della Regione Umbria, al Presidente della Conferenza delle Regioni e Province Autonome, all’Assessore ai Trasporti della Regione Umbria, per conoscenza all’Amministratore Delegato di Trenitalia S.p.A. ed alle strutture interessate di Trenitalia S.p.A. e della Regione Umbria.

Si resta in attesa di un Vs. cortese cenno riscontro alla presente.

Cordialmente

Federconsumatori
Confconsumatori Umbria – Perugia
Coordinamento Comitati Pendolari Umbri
Comitato Pendolari RomaFirenze,
Comitato Pendolari Terni
Comitato Viaggiatori Bacino Gubbio Urbino,
Comitato Pendolari ex FCU Alto Tevere,
Comitato Pendolari Teverina

 

Variazione treni nel periodo 8-30 Agosto.

Da verifiche effettuate sul sito di Trenitalia, abbiamo riscontrato che, a seguito dei lavori sulla AV/AC Roma – Firenze al PC Capena nel periodo 8 – 30 Agosto 2020, i seguenti treni partiranno dalla Stazione di Roma Tiburtina :

  • RV 2328 per Ancona avrà origine da Roma Tiburtina ore 18:30
  • RV 2490 per Perugia avrà origine da Roma Tiburtina ore 19:15

così come:

  • il RV2325 da Ancona è limitato nella stazione di Roma Tiburtina con arrivo alle ore 18:20.

Seguiranno ulteriori approfondimenti.

Agenzia Unica per la Mobilità e il Trasporto pubblico Locale

Ci piacerebbe sapere chi interviene, ad oggi, alle riunioni dell’assemblea dei soci della costituenda Agenzia Unica per la Mobilità, in rappresentanza del Territorio Ternano, al pari della Provincia di Perugia e di altri Comuni Umbri, come Perugia, datosi che l’A.T.C. Servizi S.p.A. è in liquidazione volontaria dal 5 Ottobre 2015 e, di fatto, la rappresentanza non può essere delegata al liquidatore.

Conseguentemente ci interesserebbe conoscere, anche, chi rappresenterà quella parte di Territorio Umbro nel futuro “comitato di coordinamento tra i soci” della futura Agenzia Unica.

Il Coordinamento Comitati Pendolari Umbri

Nota di risposta su lavori in Direttissima.

Gentilissime e Gentilissimi,

a fronte della nota della Direzione Regionale dell’Umbria, in allegato alla presente, si richiedono alle SS.VV.II. ulteriori notizie, chiarificatrici, circa le modifiche orarie e d’instradamento dei treni sovraregionali ed IC, da e per Roma, a seguito di lavori all’infrastruttura ferroviaria AV/AC Roma – Firenze, precisamente al P C Capena, dall’8 al 30  Agosto pp.vv. e che comporteranno vari disagi, a passeggeri ordinari e pendolari, con ulteriore allungamento dei tempi di percorrenza o, come rilevato per alcuni treni sovraregionali della Toscana, con taglio del carico ad Orte e conseguente utilizzo di bus sostitutivi da e per Roma.

Non vorremmo che tali scelte vadano a colpire solo i servizi ferroviari con Obbligo di Servizio Pubblico (OSP), mentre i treni a mercato (AV), circoleranno, ugualmente, sulla cosiddetta linea Direttissima; se così fosse, infatti, si creerebbe una gerarchizzazione con viaggiatori di serie A e di serie B, lavoratori di serie A e di serie B, con riproposizione di una suddivisione da far impallidire quella tra prima, seconda e l’ormai abolita terza classe.

Il che sarebbe a dir poco esecrabile e, dal punto di vista dello scrivente Coordinamento, valutabile di attenzione da parte dell’Autorità di Regolazione dei Trasporti.

Infine, chiediamo se è stata prevista, anche, una rimodulazione dei servizi, normalmente circolanti, sulla linea storica, Roma – Firenze, dove verranno instradati, a quanto pare, i treni, onde evitare, ulteriori, perturbazioni al traffico ferroviario.

La presente è inviata per quanto di competenza e conoscenza agli Assessori, pro – tempore, ai Trasporti della Regione Umbria e Regione Toscana, al MIT Direzione Generale per il Trasporto e le Infrastrutture Ferroviarie – Div. 3 – Servizi di Trasporto Ferroviario, nella persona della Dirigente pro – tempore, ed ai Responsabili Trasporti delle Associazioni dei Consumatori, Federconsumatori Umbria e Confconsumatori Umbria -Perugia, partecipanti al tavolo regionale sul trasporto ferroviario in Umbria.

In attesa di un Vs. cortese ed urgente riscontro alla presente si porgono cordiali saluti.

p. Coordinamento Comitati Pendolari Umbri


Lavori all’infrastruttura ferroviaria PC Capena.

Articoli recenti
Categorie
Archivi
Accessi (dal 31/08/2020)
  • 58
  • 26
  • 61
  • 31
  • 697
  • 2.328
  • 5.360
  • 2.221