Raddoppio ferroviario Orte-Falconara, Tesei e Ceriscioli scrivono alla De Micheli: «Opera prioritaria» // Umbria24.it

Infrastruttura ferrovia regionale Sansepolcro Terni. Lettera a RFI e Regione Umbria.

Lettera inviata alcuni giorni fa a RFI e Regione Umbria.


Spett.le Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.
Spett.le Regione Umbria

Con la presente nota, lo scrivente Coordinamento Comitati Pendolari Umbri, in quanto soggetto esponenziale di interessi di rilevanza sociale nell’ambito del trasporto pubblico, in accordo con i Rappresentanti Regionali Trasporti delle Associazioni dei Consumatori, partecipanti al Tavolo Tecnico Regionale sul Trasporto Ferroviario in Umbria, precisamente Franco Todaro per Federconsumatori ed Enzo Benda per Confconsumatori Umbria – Perugia, stante il riconoscimento con decreto interministeriale del 16 Aprile 2018, a “linea ferroviaria regionale di rilevanza per la rete ferroviaria nazionale” della tratta Terni -Ponte San Giovanni, già ferrovia concessa ex FCU, visto l’avvenuto passaggio dell’intera infrastruttura della ex FCU al Gestore Nazionale dell’Infrastruttura (Rete Ferroviaria Italiana S.p.A.) e dato che, da quasi tre anni la suddetta tratta, che riguarda un bacino di utenza di circa 170.000 persone, è chiusa al servizio ferroviario per lavori di ristrutturazione, che di fatto non sono mai iniziati, per non parlare della parte di linea che da Ponte San Giovanni si dirama fino alla stazione di San Sepolcro, bacino di utenza di circa 27.000 persone, aperta parzialmente al servizio fino a Città di Castello o verso la stazione di Perugia S. Anna, con lavori che si sono svolti o svolgono se si può dire a singhiozzo.

Per quanto esposto in precedenza, chiediamo di conoscere, sia da Rete Ferroviaria Italiana S.p.A., che dalla Regione Umbria, lo stato degli atti ed il programma di investimenti che il Gestore Nazionale dell’Infrastruttura intenderebbe attivare per far ripartire il servizio ferroviario sulla San Sepolcro – Terni e le eventuali scadenze temporali, ipotizzate, per il completamento delle opere che dovrebbero essere effettuate.

Non di meno, si rappresenta che, con nota del 04 Aprile 2019, facemmo notare, all’allora Assessore ai Trasporti della Regione Umbria, che il protrarsi della chiusura dell’infrastruttura, con conseguente sospensione del servizio ferroviario, avrebbe potuto, perfino, far concretizzare l’ipotesi di un eventuale danno erariale, subito e subendo, considerate, inoltre, le lungaggini, di allora, nel passaggio della stessa, a Rete Ferroviaria Italiana S.p.A., nonostante il riconoscimento, con il decreto interministeriale del 16 Aprile 2018, a “linea ferroviaria regionale di rilevanza per la rete ferroviaria nazionale” della Terni -Ponte S.Giovanni; pertanto, riteniamo che tale ipotesi potrebbe, allo stato dei fatti sopraesposto, ancora da considerarsi in essere.

Si resta in attesa di un Vs. sollecito, cortese, riscontro alla presente.

Cordialmente,

Federconsumatori
Confconsumatori Umbria – Perugia
Coordinamento Comitati Pendolari Umbri

Umbria mobilità buco nero: piano per ripianare 104 milioni di debiti in dieci anni – Corriere dell’Umbria

Umbria mobilità buco nero: piano per ripianare 104 milioni di debiti in dieci anni – Corriere dell’Umbria

 

Umbria mobilità buco nero: piano per ripianare 104 milioni di debiti in dieci anni – Corriere dell’Umbria

Debiti per 104.630.114 euro da ristrutturare in dieci anni. E’ il buco nero certificato nell’ultimo bilancio di Umbria mobilità ….

Umbria mobilità buco nero: piano per ripianare 104 milioni di debiti in dieci anni – Corriere dell’Umbria

 


 

Sulla nuova Agenzia della Mobilità si spera che chi deciderà cambi molto, perché se non è altro che confermare tutta la struttura di quello che è Umbria TPL e Mobilità S.p.A, allora c’è davvero da che pensare…

Ottomila in attesa dei rimborsi fantasma.

20200706-corrieredellumbria

Tangentopoli-trasporti, un brutto sport – Cronaca – La Nazione

20200705-lanazione

Con Trasimeno Line il lago è a portata di treno

Il treno regionale si prenota, al via la sperimentazione per limitarne il riempimento

Giugno 2020 – TardaViaggio (sperimentale)

Le Regioni del Nord sfidano il governo. Abolite le distanze obbligatorie sui treni – La Stampa – Ultime notizie di cronaca e news dall’Italia e dal mondo

Le Regioni del Nord sfidano il governo. Abolite le distanze obbligatorie sui treni – La Stampa – Ultime notizie di cronaca e news dall’Italia e dal mondo

Le Regioni del Nord sfidano il governo. Abolite le distanze obbligatorie sui treni – La Stampa – Ultime notizie di cronaca e news dall’Italia e dal mondo

Piemonte come Liguria, Emilia, Veneto e Friuli: «Abbiamo chiesto aiuto a Roma, nessuna risposta». Divieti in vigore in Valle d’Aosta e Lombardia

Le Regioni del Nord sfidano il governo. Abolite le distanze obbligatorie sui treni – La Stampa – Ultime notizie di cronaca e news dall’Italia e dal mondo

Self check-in e controllo dei posti disponibili

 


 
Resta comunque da accertare se la attestazione della presenza a bordo possa essere utilizzata dalle autorità sanitarie, in caso risultasse tra i passeggeri la presenza di un soggetto positivo al Covid-19, per sottoporre a misure di controllo o restrittive quanti risultassero aver viaggiato dello stesso treno. Dietro la tecnologia, ormai, si nasconde l’insidia di effetti indesiderabili.

Articoli recenti